Dolomiti Dolomiten Dolomites Dolomitis UNESCO. - Padola di Comelico Superiore (Belluno) Dolomiti Italia.

www.padola.it
Vai ai contenuti

Dolomiti Dolomiten Dolomites Dolomitis UNESCO.

Da visitare > Le Dolomiti


Il 26 giugno 2009 a Siviglia (Spagna) le Dolomiti sono state iscritte nella Lista del Patrimonio Mondiale dell'Umanità grazie alla loro bellezza e unicità paesaggistica e all'importanza scientifica a livello geologico e geomorfologico. La Convenzione UNESCO per il Patrimonio Mondiale stabilisce che beni culturali e naturali siti in varie parti del mondo e d'importanza universale debbano essere conservati quali patrimonio di tutta l'umanità. L'inserimento delle Dolomiti nella Lista del Patrimonio Mondiale è di conseguenza un riconoscimento straordinario, ma implica anche forte impegno e responsabilità in merito alla protezione e allo sviluppo sostenibile in questa splendida regione alpina. I nove gruppi dolomitici oggetto di riconoscimento, hanno  un' estensione complessiva di 142 mila ettari, cui si aggiungono altri 85 mila ettari di 'aree cuscinetto', per un totale di 231 mila ettari, suddivisi tra le province di Trento, Bolzano, Belluno, Pordenone ed Udine. Unanime consenso, da parte della delegazione Italiana e di tutte le istituzioni coinvolte, di tutto il settore turistico e della montagna e plauso al World Heritage Commitee (Comitato del Patrimonio Mondale Delegazione) riunito a Siviglia (Spagna) per l'occasione,  nel ribadire che l'evento  è un biglietto da visita unico per la nostra montagna. "I nove sistemi montuosi che compongono le Dolomiti Patrimonio dell'Umanità comprendono una serie di paesaggi montani unici al mondo e di eccezionale bellezza naturale. Le loro cime, spettacolarmente verticali e pallide, presentano una varietà di forme scultoree straordinaria a livello mondiale. Queste montagne possiedono inoltre un complesso di valori di importanza internazionale per le Scienze della Terra. La quantità e la concentrazione di formazioni carbonatiche estremamente varie è straordinaria nel mondo, e contemporaneamente la geologia, esposta in modo superbo, fornisce uno spaccato della vita marina nel periodo Triassico, all'indomani della più grande estinzione mai ricordata nella storia della vita sulla terra. I paesaggi sublimi, monumentali e carichi di colorazioni delle Dolomiti hanno da sempre attirato una moltitudine di viaggiatori e sono stati fonte di innumerevoli interpretazioni scientifiche ed artistiche dei loro valori" .
IL 13 maggio 2010 le cinque province del Nordest, su cui si sviluppano le Dolomiti Patrimonio Mondiale dell'Umanità  - UNESCO (Belluno, Trento, Bolzano, Pordenone e Udine), hanno firmato l’atto costitutivo della Fondazione Dolomiti -Dolomiten - Dolomites - Dolomitis. Tale Fondazione è una struttura creata ad hoc, nata  per meglio gestire la complessità di questo territorio,  che non trova altri esempi nei siti del patrimonio UNESCO e che dovrebbe rappresentarsi come una modalità virtuosa di management di questi particolari luoghi geografici. Il suo scopo è quello di contribuire a promuovere e valorizzare il Patrimonio Mondiale dell'Umanità  Dolomiti  - UNESCO. Inoltre, da agosto 2011, e’ on-line il sito della Fondazione Dolomiti - Dolomiten - Dolomites - Dolomitis UNESCO www.fondazionedolomitiunesco.org


I nove sistemi montuosi che compongono le Dolomiti Patrimonio Mondiale dell'Umanità - UNESCO sono i seguenti:

1 - Pelmo-Croda del Lago;
2 - Marmolada;
3 - Pale di San Martino, Pale di San Lucano, Dolomiti Bellunesi, Vette Feltrine;
4 - Dolomiti Friulane/Dolomitis Furlanis, Dolomiti d'Oltre Piave;
5 - Dolomiti Settentrionali/Nördiche Dolomiten;
6 - Puez-Odle/Puez-Geisler/Pöz-Odles;
7 -  Sciliar-Catinaccio/Schlern-Rosengarten, Latemar;
8 - Rio delle Foglie/Bletterbach;
9 - Dolomiti di Brenta.

E-book - libro elettronico sulle Dolomiti Patrimonio Mondiale dell'Umanità - UNESCO


Torna ai contenuti